Viscerale

L’osteopatia viscerale, una tipologia specifica di manipolazione, da non confondere con il semplice massaggio viscerale, si occupa della cura e del trattamento di 5 principali disturbi e dolori che possono colpirti.

L’osteopata, o il fisioterapista esperto in osteopatia, può utilizzare l’osteopatia viscerale per affrontare molti disturbi e dolori. I 5 principali disturbi e dolori che l’osteopatia viscerale può risolvere sono:

  • Osteopatia ginecologica e Osteopatia in gravidanza
  • Trattamento del Reflusso gastroesofageo
  • Cura delle Aderenze e delle cicatrici attive e patologiche
  • Trattamento del Colon irritabile e dei sintomi correlati
  • Manipolazioni viscerali dell’apparato polmonare e cardiaco

Queste ovviamente sono le principali indicazioni, ma ve ne possono essere altre, in base anche alla specializzazione dell’osteopata.

L’osteopatia ginecologica e in gravidanza.

L’osteopatia in gravidanza e ginecologica è un settore di trattamento dove l’osteopatatratta il mal di schiena, il dolore pelvico cronico, le disfunzioni del coccige, il dolore all’osso sacro, anche il forte mal di schiena e il sintomo acuto tramite manipolazioni viscerali, manipolazioni strutturali secondo precisi approcci e tecniche manuali. Puoi approfondire l’argomento cliccando sulla pagina “Osteopatia in gravidanza e ginecologica.“

Trattamento del Reflusso Gastroesofageo.

Il trattamento e la cura del Reflusso Gastroesofageo è una delle principali indicazioni per le manipolazioni viscerali. Diversi studi e ricerche hanno dimostrato che l’azione dell’osteopatia viscerale tramite opportune tecniche specifiche sul diaframma possono ottenere numerosi benefici nella tenuta e nella capacità di funzionamento del cardias. Questo consente di avere degli ottimi benefici in tutta la sintomatologia del reflusso gastroesofageo che si presenta spesso con la pirosi, un bruciante dolore localizzato dietro lo sterno, il rigurgito, il dolore alla bocca dello stomaco o retrosternale aggravato da certi movimenti come piegarsi in avanti con la schiena, l’alito acido, il dolore aumentato dalla tosse o dalla espirazione, il singhiozzo e la tosse ricorrente, eruttazioni, nausee e crisi di broncospasmo, infine cefalee. Puoi approfondire l’argomento cliccando sulla pagina “L’Osteopatia come cura del Reflusso Gastroesofageo.”

Cura delle Aderenze e delle cicatrici attive e patologiche.

Le cicatrici possono risultare essere attive, perturbanti, patologiche o neurologiche, ovvero, in una certa percentuale di casi, problematiche, come delle adesioni e aderenze dei piani fasciali. Da un punto di vista meccanico una cicatrice, quando presenta aderenze, puo’ essere pensata a delle graffette metalliche o delle mollette sui nostri vestiti che pinzassero tra loro sia gli abiti che la biancheria sottostante: immaginando di doverci muovere, ci troveremmo dei tiranti che limitano i nostri movimenti. Allo stesso tempo queste “graffette” potrebbero invece pinzare tra loro dei piani di scivolamento dove sia particolarmente significativo lo scorrimento di fluidi corporei (linfa, liquido sieroso peritoneale, ecc..) o dove siano alloggiati dei vasi: in tal modo, oltre al movimento, la cicatrice potrebbe influenzare anche la circolazione sanguigna o linfatica. Puoi approfondire l’argomento cliccando sulla pagina: “L’impatto delle cicatrici nella salute.”

Le altre due grandi indicazioni dell’osteopatia viscerale sono: Trattamento del Colon irritabile e dei sintomi correlati e Manipolazioni viscerali dell’apparato polmonare e cardiaco.